Alvito si arrampica con i suoi tre caratteristici borghi uno sull’altro (la Valle, il Peschio e il Castello) su una collina, dai 415 ai 750 metri s.l.m., al confine tra Lazio, Abruzzo e Molise. È un’oasi di pace, che si perde nel verde di una conca, la Valle di Comino, cinta in un sistema di monti dell’appennino centro-meridionale. Il paesaggio quindi fonde, senza soluzione di continuità, gli elementi tipici della campagna, della collina e della montagna.

Alvito presenta numerosi spunti ed elementi d’interesse storico-artistico e naturalistico, fra i quali il borgo Castello, caratterizzato dai ruderi del maniero medievale, il cinquecentesco ex-convento di S. Nicola, il seicentesco palazzo ducale (Palazzo Gallio, ora sede del Muncipio), la caratteristica dolina di origine carsica “Fossa Maiura”, antiche fontane e numerosi palazzi storici.

Online è disponibile, per approfondimenti, il video di una visita guidata dei luoghi particolarmente suggestiva…



Alvito è la meta ideale per coniugare arte, storia e natura.